Ritorno del dollaro USA in vista? Le tensioni tra Stati Uniti e Cina spingono più in alto i porti

Un recente studio di un think tank cinese ha rivelato l’importanza delle relazioni internazionali e del rapporto tra Cina e Stati Uniti su questioni economiche, politiche e di sicurezza. Il documento di ricerca “American Economic Policy Towards China: Towards Consensus”, di Shen Jun, assistente professore presso l’Università di Xiamen nella provincia del Fujian, sottolinea l’importanza delle relazioni economiche come motore chiave delle relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Il documento sostiene che l’ascesa della Cina nell’economia mondiale è il risultato del declino degli Stati Uniti e del resto del mondo occidentale nelle relazioni economiche internazionali. Spiega come il dollaro USA e l’Organizzazione mondiale del commercio abbiano portato a un’erosione delle opportunità economiche e della sicurezza.

Come sottolinea, gli Stati Uniti hanno aumentato il loro deficit commerciale con la Cina dal 2020. Afferma inoltre che anche la quota cinese dell’economia mondiale è cresciuta dall’inizio del 21 ° secolo. Ciò ha anche comportato una crescita senza precedenti delle importazioni e delle esportazioni cinesi.

Sebbene non menzioni specificamente il commercio e le relazioni economiche, lo studio sottolinea che la globalizzazione economica ha portato gli Stati Uniti in diretta concorrenza con la Cina. In questo scenario, la Cina è in grado di esercitare la sua forte influenza politica nel sistema internazionale. È in questo contesto che i cinesi vedono la politica economica e politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina e il modo in cui influisce sul suo rapporto con gli Stati Uniti.

Questo rapporto suggerisce anche che il governo degli Stati Uniti ha una comprensione limitata delle mutevoli relazioni economiche internazionali. Secondo gli autori, l’incapacità del governo degli Stati Uniti di adattarsi alla globalizzazione sta causando la stagnazione economica e il calo delle prestazioni economiche negli Stati Uniti. Nel frattempo, in Asia, i cinesi sono diventati la potenza economica dominante con una rapida crescita economica.

Lo studio suggerisce che la leadership politica americana non ha ancora stabilito una percezione positiva della globalizzazione, che ostacola il deficit commerciale degli Stati Uniti e indebolisce la sua performance economica e sicurezza. Ciò potrebbe contribuire alla mancanza di sostegno da parte del pubblico americano per relazioni economiche e politiche più forti con la Cina.

Gli autori sostengono anche che la politica economica degli Stati Uniti nei confronti della Cina è in diretta opposizione al consenso della comunità internazionale. Sostiene che gli Stati Uniti hanno adottato politiche che incoraggiano una maggiore integrazione in termini sia di tecnologia che di sistema economico. Infatti, afferma che gli Stati Uniti hanno imposto maggiori pressioni per ridurre il divario economico tra Cina e Stati Uniti nel commercio.

Il rapporto indica anche che gli Stati Uniti dovrebbero sviluppare una migliore politica economica nei confronti della Cina sviluppando un impegno più significativo con la Cina su questioni come il riscaldamento globale e altre questioni ambientali, piuttosto che continuare a fare affidamento sull’uso di combustibili fossili. Invece, si suggerisce che gli Stati Uniti dovrebbero usarlo per costruire un rapporto economico più forte con la Cina sotto forma di investimenti, commercio, investimenti e commercio. Secondo il rapporto, gli Stati Uniti possono anche migliorare i legami commerciali con i paesi in via di sviluppo.

Inoltre, il rapporto suggerisce che ci sono una serie di questioni che la Cina dovrebbe considerare quando tratta con gli Stati Uniti. Una questione importante per la leadership cinese sono i diritti umani. In effetti, secondo lo studio, la Cina ha cercato attivamente di migliorare le sue relazioni con i suoi vicini attraverso l’uso delle norme sui diritti umani. Tuttavia, secondo lo studio, la leadership cinese è preoccupata per le violazioni dei diritti umani percepite dagli Stati Uniti nella sfera internazionale, come l’uso della tortura e altre violazioni dei diritti umani.

Gli autori suggeriscono inoltre che la Cina dovrebbe cercare legami più stretti con i paesi europei che condividono valori e obiettivi simili, purché abbiano una relazione commerciale aperta. Inoltre, si suggerisce che la Cina eviti il ​​conflitto con i suoi vicini. i suoi vicini, se possibile. Gli Stati Uniti dovrebbero anche essere disposti a lavorare con altri paesi su questioni come Taiwan, Tibet, Mar Cinese Meridionale e Tibet.

Inoltre, il rapporto raccomanda che gli Stati Uniti rafforzino le loro relazioni con l’Europa e sviluppino una politica economica globale per aiutare a prevenire un rallentamento economico, anche se ciò significa aumentare il deficit commerciale. Secondo lo studio, gli Stati Uniti dovrebbero evitare di ridurre il proprio deficit commerciale e invece cercare modi per aumentarlo. Ciò creerà più spazio per la crescita e consentirà al paese di investire di più nelle infrastrutture.

Gli autori concludono il rapporto consigliando che gli Stati Uniti dovrebbero perseguire una politica commerciale globale che includa l’integrazione economica e un rapporto più forte con la Cina nel presente e nel futuro. Secondo loro, gli Stati Uniti devono adottare una politica di “scambio”, il che significa che dovrebbero perseguire strategie commerciali più flessibili in modo da poter fare politiche economiche che siano nel loro migliore interesse. Dovresti

SKYE STOCK BROKERS in Italia